1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
# Io resto in ospedale - tu resta a casa
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Modena, nel 2018 un Policlinico rinnovato

Il Policlinico di Modena
Il Policlinico di Modena

Oltre 20 milioni di euro per 25mila metri quadri. Questi i numeri dell’appalto bandito dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena per la ristrutturazione e il miglioramento antisismico di cinque corpi di fabbrica del monoblocco, che cambieranno letteralmente pelle al Policlinico. Al termine dei lavori – che occuperanno il biennio 2016-2018 – il Policlinico potrà dirsi rinato, cinquantacinque anni dopo la sua inaugurazione del 1963.
Il bando, pubblicato in questi giorni, riguarda la “riparazione e ripristino delle parti strutturali non strutturali e impiantistiche di vari corpi danneggiati dal sisma”. In particolare gli interventi, oggetto di un unico appalto integrato, riguarderanno i corpi G (piani: 2,3,4,5 e le facciate esterne), E (seminterrato, piano rialzato, piani: 1, 2, 3, 4), C (seminterrato, piano rialzato, piani 1 e 5), HD1 (seminterrato, piano rialzato, piani, 1,3,5), D (piano rialzato, piani 1,2,3,4,5), per un importo complessivo di oltre venti milioni di euro. Questi ampi interventi andranno ad integrare, completandoli, i lavori di ristrutturazione, già in corso che, una volta compiuti, consegneranno alla città un Policlinico rinnovato negli ambienti e nei percorsi. L’aggiudicazione dell’appalto è prevista per la fine dell’anno 2015, mentre i lavori si prevede vengano a completamento nella primavera del 2018.
L’appalto è stato strutturato in lotti funzionali, coerentemente a quanto previsto dalla normativa di settore più recente, al fine di favorire la massima partecipazione delle piccole e medie imprese. Le imprese potranno infatti scegliere se partecipare ad un solo lotto ovvero a più o a tutti i lotti, in funzione delle possibilità di ciascuna. L’aggiudicazione dell’appalto avverrà sulla base dell’offerta economicamente più vantaggiosa, e cioè in base a criteri che terranno conto sia della qualità dei progetti presentati sia del ribasso offerto sulla base d’asta