1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Fast Track: percorsi veloci per ridurre i tempi di attesa nel Pronto Soccorso dell'Ospedale di Baggiovara

Consentiranno un accesso più veloce alle visite specialistiche

Fast Track: percorsi veloci per ridurre i tempi di attesa nel Pronto Soccorso dell'Ospedale di Baggiovara

Nuovi percorsi, da lunedì 23 luglio, all’interno del Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Baggiovara con l’introduzione di corsie preferenziali, i cosiddetti fast – track (percorsi veloci), in Urologia e Chirurgia Vascolare. Essi consentono, una volta effettuato il triage al Pronto Soccorso, di destinare alcuni pazienti con codice bianco o verde direttamente all’ambulatorio specialistico di riferimento. Lo specialista prenderà in carico il paziente e, dopo averlo visitato, potrà dimetterlo con un foglio di prestazione ambulatoriale senza alcuna necessità di farlo passare nuovamente dal Pronto Soccorso. Il Fast-Track prevede, come per il normale accesso in PS, il pagamento del ticket specialistico che, salvo specifiche esenzioni, verrà richiesto al cittadino dagli uffici di riferimento. Il Sistema dei Fast-Track è attivo da qualche anno anche al Pronto Soccorso del Policlinico per Otorinolaringoiatria e Ortopedia.

Il fast track si basa sul principio del trattamento rapido presso un’area dedicata, secondo criteri predefiniti, di pazienti identificati come portatori di patologie a basso rischio e/o a bassa gravità, generalmente a bassa complessità assistenziale e comunque di chiara competenza monospecialistica. I fast track sono attivi nelle fasce orarie di apertura degli ambulatori specialistici.

Questo intervento all’Ospedale Civile completa la riorganizzazione dell’ottobre scorso, quando venne attivata una nuova struttura di Medicina d’Urgenza; in quell’occasione venne inaugurato il sistema Admission e Discharge Room per gestire i pazienti che, terminato il percorso di emergenza al PS, sono in attesa di essere ricoverati al reparto più appropriato per il loro problema assistenziale (admission) oppure quelli che, già dimessi da un reparto di degenza, sono in attesa di essere trasferiti a domicilio o in altre strutture del territorio (discharge).