1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Radioterapia anche nei pazienti con tumori e cardiopatie con pacemaker o defibrillatori

Mercoledì 10 ottobre, un incontro multidisciplinare di esperti al Policlinico

Giuseppe Boriani
Giuseppe Boriani

Radioterapia anche nei pazienti con tumori e cardiopatie . Questo il tema dell’incontro multidisciplinare organizzato dalla Cardiologia del Policlinico di Modena e dalla Radioterapia del Policlinico, che si svolge mercoledì 10 ottobre a partire dalle ore 14,00 al Centro Didattico del Policlinico di Modena. Scopo dell’incontro – che vedrà la partecipazione di radioterapisti, cardiologi e oncologi – è fare il punto sui i problemi delle terapie oncologiche nei pazienti portatori di dispositivi elettronici cardiaci (pacemaker o defibrillatori) precedentemente impiantati per alterazioni del ritmo cardiaco.
“Nella pratica clinica – spiega il prof. Giuseppe Boriani, Direttore della Cardiologia del Policlinico - un numero crescente di pazienti può presentare più patologie, con complesse interazioni, e questo è il caso dei pazienti con tumore, che oggi hanno fortunatamente una prognosi migliore rispetto al passato. Per questo motivo è utile definire nuove modalità di approccio al problema complesso della radioterapia, che potrebbe interferire con il funzionamento dei dispositivi impiantati, con il rischio di indurre malfunzioni a questi delicati e sofisticati dispositivi, ma oggi, con la collaborazione con tutti i professionisti coinvolti, di diverse discipline, è possibile consentire la esecuzione della radioterapia, con adeguati controlli e in sicurezza, evitando malfunzionamenti
In questi anni i radioterapisti e i cardiologi del Policlinico esperti in questi dispositivi elettronici hanno dovuto valutare più di 100 pazienti con queste problematiche con necessita di controlli e precauzioni specifiche per evitare danni al dispositivo, con un vero lavoro di equipe. La evoluzione della tecnologia, il crescente numero di pazienti oncologici seguiti nella nostra area e la disponibilità di recenti documenti scientifici al riguardo sono alla base di questo incontro cui parteciperanno rappresentanti di tutti i reparti di Cardiologia e Oncologia della provincia.