1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Frattura del femore nell’anziano: un nuovo percorso dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena

Sono 500 i pazienti curati per frattura del femore a Modena

Il gruppo di Orto-geriatria dell'Ospedale Civile

È attivo da maggio un
nuovo percorso dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena per la
gestione dei pazienti anziani con frattura del femore. È la Geriatria
dell’Ospedale Civile di Baggiovara, diretta dal prof. Marco Bertolotti, il punto di riferimento del nuovo percorso che ha
visto dedicare 10 posti letto all’Ortogeriatria,
oltre a 19 posti per la Riabilitazione Ortogeriatrica, sia per i pazienti
operati a Baggiovara, sia per quelli in precedenza operati al Policlinico di
Modena.
Sono circa 500”, riferisce
il Dr. Roberto Scotto, geriatra, “i pazienti operati ogni anno negli ospedali
modenesi per questa patologia che spesso si associa a diverse complicanze
motivate dall’età e dal quadro clinico del paziente
”.

 


L’Ortogeriatria – spiega il prof. Marco Bertolottiè quella branca della geriatria che si
occupa della gestione del paziente anziano con frattura di femore. Questa
condizione rappresenta un evento drammatico in termini di mortalità e perdita
dell’autosufficienza, e l’ortogeriatria si prefigge di individuare il percorso
ottimale per migliorare questi outcomes. Secondo il modello precedente il
paziente con frattura del femore veniva ricoverato in Ortopedia, che assicurava
l’intervento entro le 48 ore e solo in un secondo momento, se ritenuto
necessario, il paziente veniva trasferito in Ortogeriatria. Oggi, invece, grazie al modello
assistenziale recentemente implementato i letti di Ortogeriatria trovano
collocazione all’interno della Unità Operativa di Ortopedia e sono passati da 6
a 10. Inoltre, la struttura di degenza di Geriatria Post-Acuzie è stata
riconvertita a Riabilitazione Ortogeriatrica, coordinata dalla Dr.ssa Caterina Rontauroli, aumentando a 19 il
numero di posti letto. Grazie a tale potenziamento, e al nuovo progetto
condiviso nei due ospedali della nostra azienda, il paziente viene ricoverato subito
in Ortogeriatria dove viene gestito nella fase pre e post-operatoria sino al
trasferimento in riabilitazione e alle dimissioni. Questo consente che sia un geriatra
a gestire tutti gli aspetti della degenza, dalla fase acuta a quella
riabilitativa, garantendo continuità assistenziale a un paziente che ha spesso
co-morbilità e che necessita di particolari attenzioni per evitare complicanze
legate al ricovero in ospedal
e.”

 


Oltre alla Geriatria, il progetto coinvolge in
modo diretto l’Ortopedia
dell’Ospedale Civile (diretta dal dottor Pier Bruno Squarzina), che assicura il
trattamento chirurgico precoce, la gestione delle problematiche perioperatorie,
e garantisce il ricovero dei Pazienti nelle ore notturne e nelle giornate
festive; fondamentale è il ruolo della Medicina
Riabilitativa
(di cui è direttore protempore la dottoressa Monica Corona).

A questo progetto forniscono inoltre supporto essenziale le altre unità
operative dell’Ospedale Civile di Baggiovara: l’Anestesia (diretta dalla dottoressa Elisabetta Bertellini), perno
fondamentale nel garantire la precocità dell’intervento, e il Pronto Soccorso (diretto dal dottor
Geminiano Bandiera). Il progetto richiede inoltre il pieno coinvolgimento delle
strutture del Policlinico, con cui è fondamentale il coordinamento: l’Ortopedia (diretta dal prof. Fabio
Catani), il Pronto Soccorso (di cui
è responsabile il dottor Antonio Luciani), le Anestesie (dirette dal prof. Massimo Girardis e dalla dottoressa
Elisabetta Bertellini), la Post-Acuzie
dell’Ospedale Civile (di cui è responsabile il dott. Marcello Pradelli)
garantisce il percorso successivo alla fase di acuzie dei pazienti geriatrici,
dopo la riorganizzazione dell’attività ortogeriatrica, e la Medicina ad indirizzo Metabolico
Nutrizionale
dell’Ospedale Civile (diretta dal prof. Pietro Andreone) si
alterna alla Geriatria nel fornire supporto di consulenza internistica durante
i turni di guardia.

 


Si tratta di un progetto che coinvolge diverse discipline – ha
concluso il prof. Bertolotti perché il paziente anziano per la sua
complessità necessita di un approccio specialistico e multi-disciplinare per
consentirne innanzitutto un trattamento chirurgico precoce, secondo le linee
guida regionali e nazionali, e successivamente un percorso riabilitativo tempestivo
che conduca a una piena guarigione priva di complicanze legate
all’ospedalizzazione e limiti al massimo l’incidenza di disabilità. Non va
inoltre trascurata la valenza scientifico-didattica di questo modello, che
prevede la frequenza di medici in formazione specialistica in Geriatria e,
grazie al contributo della Prof.ssa Chiara
Mussi, docente di Geriatria,
consente la raccolta di dati sperimentali interessanti che confermano la
validità di questo modello, che ha ridotto in modo rilevante la percentuale di
complicanze e la mortalità in questi pazient
i”.