1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Ipertensione portale: una nuova terapia studiata al Policlinico

Una modifica della tecnica di posizionamento del bypass intraepatico ne riduce le complicanze del 50%

Team Ipertensione Portale dell’AOU di Modena
Team Ipertensione Portale dell’AOU di Modena

Dal Policlinico di Modena arriva una nuova possibilità terapeutica per i pazienti affetti da ipertensione portale (ossia da elevati valori pressori del sangue in vena porta, uno dei principali vasi sanguigni del fegato) che è una delle più pericolose complicanze della cirrosi epatica. Uno studio del Team Ipertensione Portale dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, infatti, ha dimostrato come rendere più sicuro il suo trattamento definitivo mediante il posizionamento di TIPS (un bypass intraepatico del sangue proveniente dalla vena porta). Il TIPS, sebbene molto efficace nel trattamento dell’ipertensione portale, può provocare un temibile effetto collaterale, l’encefalopatia epatica. Lo studio appena pubblicato dimostra che è possibile abbattere del 50% il rischio di incorrere nell’encefalopatia epatica grazie ad una modifica della tecnica di posizionamento del TIPS.
La ricerca è stata coordinata dal dottor Filippo Schepis, responsabile del Laboratorio di Emodinamica Epatica della Struttura Complessa di Gastroenterologia diretta dalla prof.ssa Erica Villa, e dal dottor Francesco Vizzutti della Medicina Interna ed Epatologia dell’AOU Careggi di Firenze. Lo studio, che ha coinvolto pazienti arruolati nei maggiori centri di epatologia italiani, si intitola è stato pubblicato sul numero di luglio 2018 di Clinical Gastroenterology and Hepatology, una delle più importanti riviste scientifiche del settore.
Il Team Ipertensione Portale dell’AOU di Modena è composto dagli epatologi emodinamisti (Filippo Schepis, Marcello Bianchini, Laura Turco), dalle epatologhe ecografiste (Barbara Lei, Mariagrazia Del Buono), dall’epatologo dei trapianti (Nicola De Maria) e dagli endoscopisti della SC di Gastroenterologia; dai radiologi interventisti (Cristian Caporali, Federico Casari, Riccardo Scaglioni, Mario de Santis) della SC di Radiologia diretta dal prof. Pietro Torricelli; dal chirurgo dei trapianti prof. Fabrizio Di Benedetto; dall’intensivista prof. Massimo Girardis;dal cardiologo emodinamista prof. Rosario Rossi. Fanno parte del Team anche tecnici di radiologia e infermieri (afferenti alle SSCC di Gastroenterologia e Radiologia) che hanno effettuato uno specifico training.