Policlinico di Modena

  1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  5. Footer
Contenuto della pagina

La rete delle Terapie Intensive

Intervista alla dott.ssa Elisabetta Bertellini e al prof. Massimo Girardis

Da giugno, le Terapie Intensive del Policlinico, dell’Ospedale Civile di Baggiovara e dell’Ospedale di Carpi sono le strutture di riferimento per la rete provinciale, mentre gli altri ospedali hanno terapie semi-intensive. Dell’attività della Terapia Intensiva abbiamo parlato con i responsabili delle strutture presenti nell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena: la dott.ssa Elisabetta Bertellini (Direttore dell’Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Civile e dell’Anestesia e Rianimazione 2 del Policlinico) e il prof. Massimo Girardis (direttore dell’Anestesia e Rianimazione 1 del Policlinico).

Elisabetta Bertellini
Elisabetta Bertellini

Le terapie intensive nei due ospedali fanno le stesse cose?
“A Baggiovara arrivano soprattutto pazienti con patologie tempo-dipendenti – spiega la dottoressa Bertellini – dall’incidente stradale all’ictus, dai processi infettivo cerebrali ai danni da arresto cardiaco. A queste si aggiungono patologie gravi come l’epilessia che non risponde alle terapie usuali”
“Al Policlinico accogliamo soprattutto pazienti ad elevata complessità chirurgica, oltre alle donne in gravidanza e ai bambini – le fa eco il prof. Girardis.

Si tratta, quini di due terapie intensive complementari
“Assolutamente sì – conferma il prof. Girardis – due strutture complementari che operano con attrezzature di avanguardia all’interno della rete provinciale per fornire le terapie migliori. Annualmente, al Policlinico, gestiamo circa mille pazienti, di cui il 10% sono bambini. Nel caso delle donne e dei bambini abbiamo pazienti con tutte le patologie, visto che il Policlinico è la struttura che segue le patologie materno – infantili tra le sue mission principali. Abbiamo quindi sia patologie gravi, come quelle oncologiche, le meningiti, la grande chirurgia, sia meno gravi. In questo i bambini hanno una grande capacità di recupero a patto che vi sia personale esperto nella rianimazione e nella gestione di pazienti che non sono semplicemente dei piccoli adulti ma che hanno loro peculiarità”.

 
Massimo Girardis
Massimo Girardis

”All'Ospedale Civile di Baggiovara– aggiunge la dottoressa Bertellini – abbiamo una una media di circa 1.300 ricoveri all’anno. Molti dei nostri pazienti hanno un danno cerebrale acuto, che può essere dovuto a trauma, ad un evento ischemico o emorragico, oppure ad un arresto cardiaco. A Baggiovara, infatti, sono presenti: il centro traumi della provincia, la stroke unit, l'emodinamica interventistica. Ricoveriamo, circa, 50 casi all’anno di epilessie refrattarie, recentemente, infatti, la Neurologia è stata riconosciuta centro hub regionale per il trattamento dell'epilessia. Tra la casistica trattata, patologie chirurgiche complesse, in particolare neurochirurgiche e di chirurgia vascolare.
Entrambe le Terapie Intensive dell’AOU di Modena aderiscono al progetto “terapia intensiva aperta” che consente ai famigliari di visitare i propri congiunti in ogni momento della giornata e di rimanere accanto a loro. Si tratta di uno sforzo organizzativo che però porta evidenti benefici alle famiglie e ai pazienti e favorisce la condivisione del percorso di cura.