1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

In Nefrologia i disegni dei bambini della Scuola Media Quasimodo di Marano sul Panaro

I medici e i volontari con alcuni disegni
I medici e i volontari con alcuni disegni

Modena, 27 gennaio 2015 - Gli alunni della Scuola Media Quasimodo di Marano sul Panaro vicini al reparto di Nefrologia e Dialisi del Policlinico, diretto dal prof. Gianni Cappelli. Grazie all’intuizione del prof. Carlo Maria Pelatti, insegnante e membro dell’Associazione Volontari Ospedalieri (AVO), e alla sensibilità dell’istituto maranese, i ragazzi hanno prodotto 80 disegni realizzati a tecnica mista, che sono stati donati per abbellire la sala di attesa del reparto, secondo piano.
La mostra è stata inaugurata lunedì 26 gennaio 2015, alla presenza, tra gli altri, Gianni Cappelli, del Direttore sanitario del Policlinico, Anselmo Campagna, Mirella Cantaroni dell’URP del Policlinico, Valentina Bertoni presidente Avo Modena, Carlo Maria Pelatti volontario in Nefrologia e ideatore del progetto, Antonella Rossi, volontaria responsabile del reparto di nefrologia/Urologia il Fabrizio Lolli, preside della scuola, Viviana Bombace, la professoressa di educazione artistica che ha seguito il progetto con i ragazzi.
L'idea è nata dal volontario Carlo Maria Pelatti che ha pensato di portare a conoscenza i ragazzi sulla sofferenza che si vive quotidianamente in reparto, ma anche sulla speranza data dalla speranza data dalla possibilità del trapianto di rene. “Abbiamo pensato di coinvolgere i ragazzi per realizzare dei disegni che potessero portare allegria nel reparto, come nella prospettiva Avo, da qui l’idea di proporre loro una frase "con un raggio di sole" da completare e sulla quale costruire il disegno. Un grazie va alla sensibilità della direzione scolastica che ha favorito il successo avuto tra i ragazzi che hanno accolto la proposta fatta loro realizzando i disegni”, ha spiegato Valentina Bertoni. I ragazzi, complessivamente quattro classi, hanno avuto una settimana di tempo per realizzare un elaborato artistico che è stato raccolto dalle insegnanti e consegnato ai volontari che li hanno consegnati, idealmente stamane, alla nefrologia del Policlinico.
L’Associazione volontari ospedalieri (AVO) ha sede presso l’Ospedale Estense  e fornisce assistenza morale, di compagnia, di ascolto e di aiuto al paziente durante la degenza e al momento della distribuzione del vitto. Si occupa di campagne di sensibilizzazione ed educazione sanitaria e partecipa a diversi progetti di assistenza al paziente negli ospedali della Provincia. Si può contattare AVO al telefono 059.436.097 il martedì dalle 16,00 alle 18,30 o giovedì dalle 10,00 alle 12,00. L’AVO ha un rapporto di convenzione col Policlinico e attraverso 162 volontari assicura una presenza costante e preziosa in Chirurgia II, Chirurgia Toracica, Ginecologia, Degenza post acuzie, Medicina I, Medicina Interna e Area Critica, Medicina II, Malattie dell'Apparato Respiratorio, Nefrologia e Dialisi, Urologia, Ortopedia e Traumatologia, Chirurgica della Mano. Sono tutti reparti dove spesso si incontrano degenti impossibiliti ad alzarsi dal letto e per i quali la presenza, discreta e cordiale, di AVO è fondamentale. Membro del Comitato Consultivo Misto del Policlinico. In futuro, è prevista la presenza dei volontari in pronto Soccorso con scopo di assistere i pazienti.