1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

La Neonatologia del Policlinico punto di riferimento a livello nazionale nella diagnosi della paralisi cerebrale

19-22 settembre, un corso al centro didattico della Facoltà di medicina e chirurgia

Fabrizio Ferrrari
Fabrizio Ferrrari

La Neonatologia dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, diretta dal prof. Fabrizio Ferraridi Unimore, protagonista di una nuova tecnica per diagnosticare la paralisi cerebrale.Si tratta del Prechtl’s Method of Qualitative Assessment of General Movements (GMs) cioè del metodo Precht di valutazione dei movimenti generali nel neonato ed è stata sviluppata alla fine degli anni Novanta dal prof. Heintz Prechtl (dell’Università olandese di Groningen), dal prof. Giovanni Cioni, ordinario di neuropsichiatria infantile dell’Università di Pisa, e dal prof. Fabrizio Ferrari.
La metodica sarà al centro del Corso dal 19 al 22 settembre 2017 presso il Centro Didattico della Facoltà di Medicina e Chirurgia di UNIMORE (area Policlinico) a Modena. Il corso vedrà la partecipazione come docenti di medici italiani e di molti medici stranieri e verrà aperto dai saluti del prof. Angelo O. Andrisano, Magnifico Rettore di UNIMORE.
Il metodo Prechtl – spiega il prof. Fabrizio Ferrariconsiste nella valutazione della motilità spontanea del neonato pretemine e a termine come indice diagnostico e prognostico di paralisi cerebrale infantile. A Modena ogni due anni vengono organizzati un corso base ed un corso avanzato i cui partecipanti provengono da tutto il mondo. E da sempre, una delle priorità nel campo della ricerca portata avanti dalla UOC di Neonatologia prevede studi basati sulla valutazione dei General Movements.”

A Modena si terranno sia il Corso di Base sia il Corso Avanzato (dal 19 al 22 settembre 2017), aperti a neonatologi e neuropsichiatri infantili. Il Corso di Base, ha lo scopo di insegnare i fondamenti del metodo con momenti di lezioni frontali e dimostrazioni pratiche. Il Corso Avanzato fornirà un ulteriore addestramento pratico intensivo nella metodica tramite un approfondimento dei dettagli nei movimenti che devono essere valutati, la corretta terminologia e la pratica individuale. Al termine del corso verranno rilasciati attestati di idoneità.

 

I dati modenesi

Complessivamente, la Neonatologia del Policlinico di Modena assiste ogni anno circa 450 neonati prematuri. Nel 2016 i neonati di peso inferiore a un chilo e mezzo (VLBW, che sta per Very Low Birth Weight, neonati di peso molto basso), ricoverati all’interno della Terapia Intensiva Neonatale, sono stati 54 (l’anno prima 83) mentre quelli  che alla nascita pesavano meno di un chilogrammo (ELBW, che sta per Extremely Low Birth Weight, cioè nati con peso estremamente basso) sono stati 25 (37 nel 2015).       
Per i bambini di peso inferiore ai 1500 grammi (VLBW) la percentuale di sopravvivenza è passata dal 62,5% nel 1991 al 85.2% nel 2016.Anche per i casi più complessi come i bambini inferiori ai 1000 grammi (ELBW) la speranza di vita a Modena ha segnato progressi davvero significativi. Se nel 1991 la loro possibilità di sopravvivenza non superava il 33,4% nel 2016 ha potuto raggiungere il 68%. “Il nostro compito– aggiunge il prof. Fabrizio Ferrarinon è solo quello di assicurare la sopravvivenza dei nostri piccolissimi pazienti ma soprattutto di offrire loro la migliore qualità di vita possibile. Una volta, quindi, superata la fase acuta della nascita pretermine occorre assicurarsi che lo sviluppo del neonato prosegua al meglio, sia dal punto di vista della crescita, sia da quello dello sviluppo neurologico”.Al Policlinico è attivo un ambulatorio di Follow-Up che segue i piccoli pazienti nei primi due anni successivi alla dimissione proprio per assicurarsi che lo sviluppo neurologico del neonato prosegua correttamente.In questo ambulatorio lavorano in equipe tre neonatologi, un fisioterapista della TIN di Modena, un tecnico universitario, un fisioterapista dei servizi territoriali di Neuropsichiatria Infantile e tre psicologi. È in questo ambulatorio che è stata sviluppata e viene applicata sistematicamente la valutazione della motilità spontanea secondo il metodo di Prechtl.    
La Struttura Complessa di Neonatologia si conferma un centro di importanza internazionale dal punto di vista della ricerca, della didattica e dell’assistenza, grazie anche alla certificazione del 2013 come primo centro NIDCAP d’Italia, ilquarto a livello europeo, per l’utilizzo di un innovativo metodo di cura del neonato, che focalizza l'attenzione sul coinvolgimento della famiglia, la personalizzazione del trattamento,la lotta al dolore e allo stress del prematuro

Il reparto di Neonatologia gode del sostegno dell’Associazione di genitori, Pollicino Associazione Onlusper il progresso della Neonatologia a Modena che dalla sua nascita ha sempre appoggiato i progetti di formazione del personale e di ricerca.