1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

SLA: dall’AIFA quasi un milione di euro per la ricerca che sarà svolta alla Neurologia dell’Ospedale Civile

Premiata la dottoressa Jessica Mandrioli, Responsabile del Centro SLA che riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia

Jessica Mandrioli
Jessica Mandrioli

Importante riconoscimento per la Neurologia dell’Ospedale Civile di Baggiovara . La Dr.ssa Jessica Mandrioli, responsabile del centro SLA dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena è uno dei vincitori del Bando per la ricerca indipendente dell'AIFA, l'Agenzia Italiana del Farmaco. Tra i 343 progetti presentati, il Suo progetto si posiziona al 15° posto tra i quaranta premiati con un finanziamento di quasi un milione di euro che sarà utilizzato per sviluppare sperimentazione clinica della durata di 2 anni che verrà condotta in 9 centri di eccellenza per la cura della SLA in Italia, diffusi su tutto il territorio nazionale, coordinati dal centro di Modena e che prevedrà la collaborazione di 4 importanti laboratori universitari.

Lo studio prevede l’affiancamento alla parte clinica di sperimentazione di un nuovo farmaco per la SLA, anche di una importante parte di studio sui meccanismi patogenetici della malattia e sugli effetti biologici del farmaco” – ha precisato la dottoressa Mandrioli. Oltre al Dipartimento di Neuroscienze dell’AOU di Modena, hanno partecipato al progetto anche il prof. Roberto D’Amico (Statistica Medica, UniMORE) e la prof. Serena Carra (Biologia Molecolare, UniMORE), con il supporto del Servizio Formazione, Ricerca e Innovazione,dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena.

 
Roberto D'AmicoSerena Carra
Paolo Frigio Nichelli
Paolo Frigio Nichelli

Al momento – aggiunge il prof. Paolo Frigio Nichelli, Direttore della Neurologia - non sono disponibili trattamenti in grado di guarire la malattia, anche a causa dei processi patogenetici non ancora del tutto chiari. Nonostante numerosi trattamenti volti al controllo dei sintomi e al mantenimento della qualità della vita, in Italia l’unico farmaco con indicazione per la SLA è il Riluzolo che ne rallenta la progressione di pochi mesi.”

Lo studio rappresenterà quindi una opportunità di partecipazione per i malati affetti da questa patologia ancora priva di trattamenti significativamente efficaci. Le informazioni derivate da questo studio, potranno essere utili a comprendere meglio alcuni meccanismi patogenetici della malattia, in particolare il ruolo dei meccanismi di degradazione delle proteine anomale che, accumulandosi all’interno della cellula, la portano a morte, nonché i meccanismi di azione del farmaco e la sua efficacia nel rallentare il decorso della malattia.
Nel caso i risultati si rivelassero positivi, saranno la base necessaria per il disegno di un successivo studio di fase III di conferma.

 

I dati del Centro SLA dell’Ospedale Civile

Il Centro multidisciplinare dedicato alle malattie del motoneurone della Clinica Neurologica dell’Ospedale Civile di Baggiovara segue oltre 200 pazienti affetti da SLA provenienti non solo dalla regione Emilia Romagna ma anche da altre regioni d’Italia, in quanto il centro esegue diversi studi sulle cause della malattia e sperimentazioni farmacologiche in collaborazione con altri centri italiani e internazionali.

I pazienti vengono seguiti fin dal momento della diagnosi e l’assistenza offerta è ambulatoriale, ospedaliera (per le procedure invasive) e domiciliare.

L’organizzazione ambulatoriale vede la collaborazione tra diverse discipline; l’équipe conta vari specialisti (Neurologo, Pneumologo, Psicologo, Dietista, Logopedista, Foniatra, Fisiatra, Fisioterapista, Palliativista e altri ancora) che cooperano per garantire la continuità di cura al malato di SLA a livello ambulatoriale e domiciliare.

Inoltre nel nostro territorio è stata creata una rete territoriale coinvolgendo i medici di medicina generale, l’assistenza domiciliare integrata e gli ospedali della provincia di Modena per ottimizzare la gestione dei pazienti nelle fasi più avanzate della malattia.