1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Sala Ibrida: la donazione della Sezione Modenese dell’Associazione Nazionale Alpini

Un’attrezzatura di videoscopia per interventi combinati

Il gruppo nella hall di Baggiovara

Un importante processore di immagini medicali per colonne endoscopiche è stato donato alla Sala Ibrida dell’Ospedale Civile di Baggiovara dalla Sezione Modenese dell’Associazione Nazionale Alpini . Lo strumento, del valore di 12mila euro interamente finanziati dalla donazione, consente di collegare più strumenti endoscopici flessibili ad una colonna di videochirurgia mini-invasiva e, quindi, di svolgere interventi complessi e combinati. L’apparecchiatura è stata consegnata stamattina, lunedì 11 febbraio, dai rappresentanti dell’Associazione – tra cui Consiglieri direttivi e rappresentanti dei raggruppamenti provinciali - guidati dal Presidente Franco Muzzarelli, alla presenza del dottor Luca Sircana, Direttore Sanitario dell’AOU di Modena, del Sindaco e Co-Presidente della CTSS Gian Carlo Muzzarelli, della dottoressa Maurizia Gherardi, Direttore della Comunicazione dell’AOU di Modena. L’incontro si è svolto nella Sala Ibrida dove continuano i collaudi e la formazione del personale che consentiranno, a fine di marzo del 2019, di cominciare l’attività chirurgica.  In Sala Ibrida, i donatori sono stati accolti da una rappresentanza del comitato promotore: Rita Conigliaro, Direttore dell'Endoscopia, Micaela Piccoli, Direttore della Chirurgia Generale, d'Urgenza e Nuove Tecnologie, Roberto Silingardi, Direttore Chirurgia Vascolare.
Una colonna laparoscopica – spiega il dottor Luca Sircana è un insieme di apparecchiature collegate a un monitor che consentono di effettuare interventi in laparoscopia, una tecnica chirurgica che prevede l'esecuzione di un intervento chirurgico addominale senza apertura della parete, utilizzando una telecamera collegata a un monitor e sottili strumenti chirurgici (pinze, forbici, elettrocoagulatore, suturatrice, porta-aghi, ecc.) che vengono introdotti attraverso piccoli fori effettuati nella parete addominale. L’apparecchiatura donata dall’Associazione Alpini consente alle colonne laparoscopiche già presenti in Sala Ibrida di collegare più strumenti e quindi svolgere interventi combinati.”

 
L'apparecchiatura donata

Gli Alpini nel territorio modenese sono numerosi e molto attivi, sempre pronti a dare una mano a chi ha bisogno. Oggi siamo qui per dire loro semplicemente, ed ancora una volta, <grazie>. Il loro contributo consente di dotare la Sala Ibrida di un nuovo strumento che la qualificherà ulteriormente ” – ha commentato Gian Carlo Muzzarelli , Sindaco e Co-presidente della CTSS. E’ un nuovo passo di una grande opera collettiva, che ha consentito - donazione dopo donazione, da quelle più piccole alle più ingenti, da cittadini ad associazioni - di tagliare un traguardo dopo l’altro, dotando l’Ospedale di Baggiovara della nuova Sala Ibrida ed ora continuando a renderla più completa e adatta alle esigenze dei pazienti. “L’8settembre 2018 – ha commentato il Presidente dell’associazione Franco Muzzarelli -si è svolto a Prignano il nostro Consiglio Direttivo In quella occasione è stata annunciata un’importante donazione a favore della nuova Sala Operatoria Ibrida della Provincia di Modena. Grazie ai contatti tra il consigliere Savino Zuccarini e una rappresentanza del Comitato Promotore della Sala Ibrida, è stata individuata l’attrezzatura che consegniamo oggi.” Nel corso dell’incontro di Prignano, la dott.ssa Maurizia Gherardi e la dott.ssa Barbara Mullineris, chirurgo della Struttura Complessa di Chirurgia Generale, d’Urgenza e Nuove Tecnologie diretta dalla dottoressa Micaela Piccoli, hanno spiegato l’importanza della Sala Ibrida . La Sezione Alpini di Modena conta oltre 4.350 iscritti tra Alpini in congedo ed aggregati, ed ha al suo interno un forte comparto di Protezione Civile con oltre 350 volontari certificati, sempre pronti ad intervenire in caso di qualsiasi calamità naturali o emergenze.
La presenza è capillare nei vari comuni soprattutto tra la zona pedemontana e dell’Appennino, con tante collaborazioni con gli enti locali per le loro sempre più numerose necessità. Con il Comune di Modena e di altri Comuni in Provincia, si evidenziano le collaborazioni nel Progetto Volontari per la sicurezza del territorio, con oltre due anni di turni già svolti. Durante il periodo estivo innumerevoli sono gli appuntamenti che gli “Alpini tradizionalmente organizzano nei vari Comuni sempre molto apprezzati dalla cittadinanza.

 
Alpini e professionisti in Sala Ibrida
Alpini e professionisti in Sala Ibrida