Policlinico di Modena

  1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  5. Footer
Azienda Ospedaliera-Universitaria di Modena
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

L’Unicef vicino ai bambini ricoverati al Policlinico

Appuntamento tradizionale con le Pigotte dell’UNICEF stamattina, mercoledì 4 maggio nelle degenze di Pediatria e Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Modena. La delegazione dell’UNICEF, guidata dalla prof. Fiorella Balli è stata accolta dal prof. Lorenzo Iughetti , Direttore della Struttura Complessa di Pediatria e Oncoematologia Pediatrica e dalla dottoressa Monica Cellini , referente per l’Oncoematologia Pediatrica, dalle maestre dello Spazio Scuola e Spazio Incontro, da Mirella Cantaroni , referente aziendale del volontariato. Erano presenti Anna Mucciarini in rappresentanza dell’Associazione Regina Elena Onlus, e Giovanna Vignoli, Presidente di Curare il Dolore Onlus.
Quest’anno saranno 50 le Pigotte donate al Policlinico da UNICEF. La donazione di una Pigotta a tutti i bambini e le bambine ricoverati al Policlinico di Modena rientra in una lunga e proficua collaborazione tra la Pediatria, l’ Onco-Ematologia Pediatrica e UNICEF, che, anche quest’anno, come di consueto, si è ripetuta nell'approssimarsi della festa della Mamma, che si celebrerà domenica 8 maggio. Le 50 Pigotte, che verranno donate, sono le classiche bambole di pezza fatte in casa, che dal 1988 sono diventate un simbolo per le campagne di raccolta fondi promosse dall’UNICEF. “Adottando una Pigotta – spiega Fiorella Balli dell’UNICEF - si ha modo di finanziare la vaccinazione di bambini meno fortunati, contro alcune delle più diffuse malattie che causano l’alta mortalità infantile in tante zone del mondo: poliomielite, difterite, pertosse, morbillo, tetano e tubercolosi”.Regalando la bambola UNICEF ai bimbi malati si vuole donare loro un sorriso e associarlo al sorriso di bambini di altri Paesi che saranno preservati da gravi malattie infettive. Quest’anno UNICEF ha beneficiato della vicinanza di due importanti sodalizi modenesi, noti per le loro attività benefiche: l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus (AIRH) e l’Associazione Curare il Dolore (CID) che con una donazione a UNICEF consentiranno ai bambini in difficoltà del mondo di ricevere un sostegno per l’attuazione dei loro diritti. Quest’anno i fondi ricavati dalla vendita delle Pigotte saranno destinati al progetto di UNICEF “Vogliamo zero” che contrasta la mortalità infantile.

L'ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA ONLUS

L’associazione è nata nel novembre 1985, apartitica ed apolitica ed è presente in 56 diversi paesi. Il suo scopo principale è di aiutare concretamente e direttamente chi ha davvero bisogno. Lo scopo dell’Associazione Internazionale Regina Elena si può riassumere nel moto di Elena di Savoia “Regina della Carità”, insignita dalla Rosa d'oro della Cristianità da Papa Pio XI: “SERVIRE”. 

CID - CURARE IL DOLORE ONLUS

 Associazione di volontariato attiva nel modenese dal 1998 con sede a Castelfranco Emilia presso l'Ospedale Regina Margherita. Nel 2015 è stata aperta inaugurata una seconda sedea Modena.   L'Associazione favorisce, sostiene e promuove iniziative e progetti solidali per diffondere su tutto il territorio provinciale il livello minimo di cura del dolore. Il dolore è ancora considerato solo un sintomo, spesso da accettare o comunque da curare in via secondaria rispetto alla malattia principale. Con la legge 38 del 2010 finalmente, anche nel nostro Paese, si afferma il diritto alla cura del dolore. Da questo assioma – curare il dolore – nasce CID che sviluppa la propria azione secondo.

Da sinistra Monica Cellini, Mirella Cantaroni, Anna Mucciarini, Lorenzo Iughetti, Fiorella Balli, Giovanna Vignoli
Da sinistra Monica Cellini, Mirella Cantaroni, Anna Mucciarini, Lorenzo Iughetti, Fiorella Balli, Giovanna Vignoli
 
 
 
Footer