1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

La Chirurgia Vascolare modenese all’avanguardia nel trattamento degli aneurismi

Baggiovara capofila di un’importante ricerca sulla terapia mininvasiva negli aneurismi dell’aorta

Roberto Silingardi
Roberto Silingardi

I risultati di una ricerca modenese sul trattamento endovascolare degli aneurismi dell’aorta toracica  e  addominale verrà presentata  al Congresso annuale della Società di Chirurgia Vascolare Americana (SVS-Society for Vascular Surgery) che si terrà nella città californiana di San Diego dal 31 Maggio – 3 giugno 2017, uno dei più importanti appuntamenti per i chirurghi vascolari a livello internazionale. Si tratta  di una  evenienza  non frequente  che  un lavoro scientifico venga  presentato  su invito  a questo congresso  da chirurghi non Nord americani.

Sarà il dottor Stefano Gennai della Chirurgia Vascolare dell’Ospedale Civile di Baggiovara, diretta dal dottor Roberto Silingardi, a presentare i dati di una ricerca effettuata a Modena su una nuova endoprotesi utilizzata per la correzione endovascolare degli aneurismi aortici che coinvolgono contemporaneamente l’aorta toracica e addominale. Lo studio, che nell’ultimo anno ha arruolato 73, pazienti ha coinvolto 13  centri italiani  con il maggior contributo di Modena(Ospedale  di Baggiovara), Bologna(Ospedale  Sant’Orsola)  e  Roma (Ospedale  San Camillo).

“In questi pazienti - spiega il dottor Stefano Gennai -una lunga porzione toracica e addominale della più grande arteria del corpo umano, l’aorta, appare dilatata esponendo i pazienti   ad un elevato rischio di rottura, evento potenzialmente fatale. Il trattamento chirurgico tradizionale “open” è particolarmente invasivo, gravato da un alto tasso di complicanze e mortalità intra e post-operatoria. Per questo motivo il trattamento endovascolare suscita grande interesse e aspettative; fino al 2012, erano disponibili solamente  endoprotesi costruite  <> per il singolo paziente grazie  ai dati della  diagnostica AngioTAC  che richiedevano  tempi di attesa lunghi di studio e  costruzione per il malato (50-60 giorni).”

 

Dopo anni di studi rigorosi la ditta Cook Medical  ha reso disponibile  sul mercato la prima endoprotesi con misure standard, quindi  prontamente disponibile,  che si è dimostrata adattabile a quasi il 90% dei pazienti affetti da questa patologia. Ciò rappresenta una notevole evoluzione tecnica a disposizione del malato, il quale ha la possibilità di effettuare questo trattamento a invasività ridotta sia in elezione che in condizioni di   emergenza per rottura dell’aneurisma.

“La nostra Chirurgia Vascolare – ha aggiunto dottor Roberto Silingardi – ha guidato una ricerca, che ha coinvolto diversi centri italiani, circa la funzionalità di questa nuova endoprotesi con risultati che vengono presentati per la prima volta durante l’incontro” La ricerca è stata condotta dai dottori Silingardi e Gennai, coadiuvati dal dott. Nicola Leone (Assegnista di ricerca dell’Università di Modena e Reggio Emilia).“Siamo riusciti a dimostrare – conclude Silingardi – l’efficacia e la sicurezza del trattamento endovascolare con la prima endoprotesi con misure standard disponibile sul mercato in pazienti anziani, affetti da varie patologie; la rottura dell’aneurisma  è una  evenienza  drammatica e grazie  a  questo trattamento effettuabile anche  in urgenza consente  di ridurre  le complicanze  chirurgiche  e la  mortalità post- operatoria”. Il trattamento endovascolare di questo tipo aneurismi rappresenta una procedura riservata a centri specializzati e di grande esperienza.
L’équipe della Chirurgia Vascolare di Modena, si occupa da più di tre decadi di questa patologia e da più di 10 anni si è specializzata nel trattamento endovascolare anche degli aneurismi toraco-addominali. In questo reparto vengono trattati annualmente 180 pazienti affetti da aneurisma dell’aorta addominale e 30 affetti da aneurisma dell’aorta toracica o toraco-addominale. La grande esperienza maturata in questi anni fa della scuola modenese uno dei punti di riferimenti a livello nazionale per la cura di queste patologie.

Da sinistra Nicola Leone, Roberto Silingardi, Stefano Gennai
Da sinistra Nicola Leone, Roberto Silingardi, Stefano Gennai