1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
# Io resto in ospedale - tu resta a casa
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Al Policlinico di Modena il primo vagito, 13 minuti dopo mezzanotte

Alle 3.30 secondo nato a Sassuolo. Alle 4:42 è nata, ancora al Policlinico, Melissa

Marco con i genitori Antonella e Domenico
Marco con i genitori Antonella e Domenico

Il primo nato in provincia di Modena, nel 2018, è il piccolo Marco di Castelfranco Emilia, pesa 3.140 grammi ed è venuto alla luce 13 minuti dopo la mezzanotte al Policlinico di Modena. Per i genitori, Domenico e Antonella, si tratta del primo figlio.

Secondo nato della provincia è Andrea, 3.480 grammi, venuto alla luce con un parto cesareo in ospedale a Sassuolo, alle ore 3.30 del primo giorno dell’anno da mamma Loredana e papà Cristian. Nessun nuovo nato, per ora, negli altri punti nascita presenti in provincia.
Il Policlinico ancora sul podio alle 4.42, grazie a Melissa, una bimba di 3.280 grammi, secondogenita di Emanuela e Cristian, di San Cesario.
 
Ultimi nati del 2017 in provincia
L’ultimo neonato della provincia è una bambina, Agata, nata alle ore 23.10 del 31 dicembre a Mirandola. Pesa 3.180 grammi ed è figlia di Elena e Filippo.

Al Policlinico di Modena l’ultimo nato dell’anno appena concluso è Antonio nato alle ore 19.47 del 31 dicembre. Pesa 3.370 grammi. Ultimo nato a Carpi è Alessandro, di 3.310 grammi, nato da Paola e Leonardo alle 11.48 del 31 dicembre e residente a Castelvetro di Modena.

A Sassuolo l’ultimo nato è Ergis (maschio) di 3.005 grammi da parto spontaneo il 30 dicembre da mamma Marcela e papà Paqsor di nazionalità albanese.


 
Melissa con la mamma Emanuela e la nonna
Melissa con la mamma Emanuela e la nonna
Le Ostetriche del Policlinico: Laura Giusti, Federica De Solda, Francesca Pacchiano, Laura Govoni; e l'OSS: Lucia Taddia
Le Ostetriche del Policlinico: Laura Giusti, Federica De Solda, Francesca Pacchiano, Laura Govoni; e l'OSS: Lucia Taddia