1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Modena, centesimo intervento di resezione epatica robotica

Modena, centesimo intervento di resezione epatica robotica

Fabrizio Di Benedetto
Fabrizio Di Benedetto

È stato effettuato con successo, il 29 novembre scorso, il centesimo intervento di chirurgia resettiva epatica robotica dall’apertura del programma nel 2014. La paziente è una donna di 69 anni affetta da cirrosi epatica, operata per un tumore del fegato. Nel 2018 l’attività resettiva epatica con tecnologia robotica presso la Chirurgia Oncologica, Epatobiliopancreatica e Trapianti di Fegato diretta dal prof. Fabrizio Di Benedetto ha visto un incremento di oltre il 20%. Tale successo trova conferma nel rinnovo del finanziamento da parte della Regione Emilia-Romagna per lo studio del ruolo della resezione robotica dei tumori del fegato in preparazione al trapianto.

La crescita dell’attività del centro si accompagna ad una maggiore visibilità internazionale. Il prof. Di Benedetto, infatti, è stato invitato come docente presso il prestigioso centro di chirurgia mininvasiva IRCAD (Institut de Recherche contre les Cancers de l'Appareil Digestif) per il corso di Chirurgia Oncologica Mini-invasiva Avanzata. L’IRCAD, fondato nel 1994 dal Prof. Jacques Marescaux, conta attualmente diverse sedi in tutto il mondo. Oltre alla sede centrale di Strasburgo, sono presenti attualmente 2 sedi in America Latina (Barretos e Rio de Janeiro), e una sede in Taiwan. È attualmente leader mondiale del training chirurgico, con 5700 chirurghi formati ogni anno, 842 esperti che partecipano alle attività didattiche e 20 specialità chirurgiche affrontate con un totale di 79 corsi tenuti ogni anno. Il corso, che ha visto coinvolto il prof Di Benedetto con 2 relazioni sulla chirurgia epatica ed una sulla chirurgia pancreatica robotica, è stato coordinato dai Prof. Antonio Talvane, presso il centro di Barretos nello stato di San Paolo, diretto dal Prof. Armando Melani.