1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Terapia genica, per il secondo anno consecutivo il prof. Massimo Dominici nella power list 2020 degli opinion leader mondiali

Unico italiano nella categoria Advance Medicine

Massimo Dominici
Massimo Dominici

L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena e UNIMORE ancora una volta nella classifica di The Medicine Maker, pubblicazione globale leader nella terapia genica, dei 100 migliori leader e opinion maker nel settore. Il prof. Massimo Dominici di UNIMORE, Direttore della Struttura Complessa di Oncologia del Policlinico è l’unico italiano presente nella categoria Advance Medicine. Per il prof. Dominici è stata una conferma, visto che era stato incluso anche nella classifica 2019. 


Il Medicine Maker è una pubblicazione globale leader nella terapia cellulare e genica che annualmente stila un elenco dei 100 migliori leader e opinion maker del mondo il cui lavoro ha contribuito a un significativo progresso nell’industria biofarmaceutica e di conseguenza nella medicina.  

Sono felice di questa conferma – ha commentato a caldo il prof. Massimo Dominici che premia il lavoro fatto in questi anni assieme ai miei collaboratori del Laboratorio di Ricerca Terapie Cellulari e nell’ambito del Programma Terapie cellulari e immuno-oncologia istituito dall’Azienda Ospedaliero – Universitaria nel giugno 2019. Il nostro obiettivo è trasferire anni di ricerca sulle cellule in vari settori della medicina e della chirurgia grazie anche a collaborazioni in ambito ematologico, radioterapico, pediatrico, ortopedico, reumatologico, della chirurgia ricostruttiva e plastica, della chirurgia toracica e epato-bilio-pancreatica, della pneumologia, della neurochirurgia e della dermatologia.” 

La Power List del Medicine Maker viene compilata da un gruppo di esperti che analizzano le attività svolte nel settore, la visibilità ed il numero di citazioni di articoli scientifici degli stessi autori. Quest’anno le caratteristiche erano small molecules, advance medicine, biopharmaceuticals. 

Anche quest’anno – sottolinea il Magnifico Rettore Unimore prof. Carlo Adolfo Porro – UNIMORE può annoverare un suo docente e ricercatore in questa prestigiosa classifica. Il prof. Dominici è uno dei tre italiani ricompreso tra i cento opinion leader mondiali in questo settore che vive sull’innovazione tecnologica e sulla collaborazione tra la funzione di ricerca, didattica e assistenziale, una sinergia che a Modena viene da anni realizzata con grande profitto.



Massimo Dominici Nasce a Lodi nel 1972. Nel 1996 Laurea cum Laude in Medicina e Chirurgia a Pavia. Internato all’Istituto di Ematologia dell’Università di Vienna (Austria). Nel 2000 specialista in Ematologia cum Laude all’Università di Ferrara e poi Post-Doctoral Fellow al St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis (USA). Nel 2005 ricercatore universitario in Oncologia Medica in UNIMORE e responsabile del Laboratorio di Terapie Cellulari. Dal 2005 è Dirigente Medico convenzionato presso la Struttura complessa di Oncologia. Dal 2007 Tutor Scuola di Dottorato in Medicina Molecolare e Rigenerativa. Dal Novembre 2015 è Professore Associato in Oncologia Medica e dal Novembre 2016 Direttore Scuola di Specializzazione in Oncologia. Idoneità nazionale Professore Ordinario Oncologia Medica. Dal 2019 è Direttore dell’Oncologia del Policlinico. Fondatore e responsabile scientifico del laboratorio di biocompatibilità del Tecnopolo di Mirandola. Autore di oltre 140 manoscritti, 2 libri, 3 capitoli di libri con circa 20000 citazioni. Oltre 150 seminari su invito. Ventisette progetti di ricerca finanziati, 12 brevetti depositati. Fondatore della start-up universitaria Rigenerand srl. Membro di numerose Società scientifiche nazionali ed internazionali oltre che di board in Fondazioni Medico Scientifiche e no-profit.  Eletto primo presidente non americano della International Society for Cell and Gene Therapy – ISCT (2014-16). Editore e revisore per riviste internazionali e per enti pubblici e privati di finanziamento alla ricerca.