Torna a inizio pagina

Policlinico di Modena

  1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  5. Footer
Azienda Ospedaliera-Universitaria di Modena
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

COVID19, la situazione all'AOU di Modena

La sospensione dell’attività chirurgica, la situazione delle varianti, i protocolli di accesso agli ospedali. Il commento del Direttore Generale. Il supporto psicologico ai pazienti. La situazione in SUB-Intensiva.

Claudio Vagnini
Claudio Vagnini

Continua l'appuntamento consueto con il bollettino settimanale contenente le principali attività organizzative e sanitarie dell'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena in riferimento alla gestione dell'emergenza COVID-19.    
Situazione ricoveri 
Nell'ultimo periodo il numero di nuovi positivi in provincia ha registrato un aumento significativo e conseguentemente anche il volume di pazienti ricoverati.  L'incremento dei ricoveri di pazienti COVID positivi ha comportato la necessità di riconvertire settori di posti letto di degenza ordinaria e di allestire posti letto intensivi utilizzando spazi e personale di sala operatoria.  
Per quanto sopra espresso, sono state apportate rimodulazioni nelle attività differibili, sospendendo i ricoveri programmati in area internistica e chirurgica: per alcuni giorni sono stati quindi sospesi gli interventi chirurgici programmati, garantendo la gestione delle emergenze-urgenze.
Al Momento, il numero dei ricoveri Covid è di 260. Di questi, 198 in degenza ordinaria (128 sono assistiti al Policlinico e 70 sono assistiti a Baggiovara) e 62 pazienti tra terapia intensiva e semintensiva (rispettivamente 39 pazienti presso il Policlinico e 23 pazienti presso Baggiovara).  
Nelle ultime settimane, si è osservata una diminuzione dell'età media dei pazienti ricoveratisia in degenza ordinaria che in terapia intensiva, che è passata dai 74 anni di inizio gennaio a circa 66 anni nel mese di febbraio. 
Varianti circolanti sul territorio provinciale
Prosegue il programma di monitoraggio a livello regionale - di cui abbiamo già avuto modo di parlare - per verificare la diffusione di varianti virali. Nel mese di febbraio sono stati sequenziati 34 campioni di SARS-CoV-2 isolati in tamponi eseguiti su pazienti della provincia, scelti in maniera casuale sulla popolazione provinciale, non ricoverati. Di questi, 22 (corrispondenti al 65% del totale) sono risultati corrispondenti alla variante inglese, 1 alla variante brasiliana, 1 alla variante nigeriana. Solo 10 (corrispondenti al 29% del totale) non sono risultati attribuibili alle nuove varianti del virus.
Indicazioni per l'ingresso dei visitatori alla struttura ospedaliera
A fronte della recrudescenza epidemica, si ribadiscono i protocolli attivi per l'accesso dei visitatori alle strutture sanitarie.
Gli ingressi sono presidiati da apposito check point , con operatori che provvedono a misurare la temperatura corporea e a far effettuare l'igiene delle mani   Per quanto riguarda le visite in reparto, nei settori che assistono pazienti SARS-CoV-2 positivi accertati o sospetti non sono ammessi visitatori, salvo casi eccezionali (minori, disabili, fine vita, condizioni di estrema gravità clinica) Nei reparti che ospitano pazienti SARS-CoV-2 negativi l'accesso dei visitatori è limitato ai casi di necessità .
È ammesso l'ingresso di un solo visitatore per paziente, che deve essere preventivamente autorizzato e presentare ad ogni accesso specifico modulo. Per tutta la permanenza occorre prestare attenzione al rigoroso rispetto delle precauzioni per il contenimento del rischio infettivo (indossare la mascherina chirurgica, praticare l'igiene delle mani e l'igiene respiratoria, osservare il distanziamento sociale).
Indicazioni per la prevenzione e il controllo del rischio infettivo rivolte ai pazienti  
Per quanto riguarda i programmi di screening dei degenti, tutti i pazienti prima di essere ricoverati vengono sottoposti a tampone, e solo successivamente inviati in reparto.  
Inoltre, è previsto poi un protocollo di screening periodico mediante tampone nasofaringeo che prevede:   -Tampone prima del ricovero in reparto  
-Tampone a 48 h dal ricovero -Tampone in 5° giornata di ricovero
-Tampone in 8° giornata di ricovero   E successivamente, in caso di ricoveri prolungati,  
-Tampone ogni 7 giorni -Tampone in dimissione (se trascorsi più di 2 giorni dal precedente)

 
 
 
 
Footer