Policlinico di Modena

  1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  5. Footer
Azienda Ospedaliera-Universitaria di Modena
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Set Lego per i bambini ricoverati al Policlinico

Dono dell’Associazione Mo.C.Bricks di Modena

Set Lego per i bambini ricoverati al Policlinico

L’Associazione Modena Collectors of Bricks (Mo.C. Bricks) ha donato una serie di set di costruzioni Lego® allo Spazio Incontro della degenza pediatrica del Policlinico di Modena. Oggi pomeriggio, il Presidente dell’Associazione Fabio Bocchi e il referente del progetto Vito Emanuele Magnante, insieme al socio Diego Guerzoni, hanno incontrato il prof. Lorenzo Iughetti, Direttore del Dipartimento Materno Infantile, Grazia Baracchi, Assessora all’Istruzione del Comune di Modena, Laura Cuoghi, la coordinatrice di Spazio Incontro, Ivana Carri, e Francesca Prampolini, maestre di Spazio Incontro. Con loro anche la dottoressa Monica Cellini, Referente Oncoematologia Pediatrica e Maria Cifuni, Coordinatrice infermieristica della Degenza Pediatrica.
“La nostra associazione – ha spiegato Vito Magnantenel 2019 ha proposto un progetto chiamato Happy Briks, che prevede la presenza di alcuni soci allo Spazio Incontri allo scopo di far giocare i piccoli pazienti. Si tratta di veri e propri laboratori per relax e svago con i famosi mattoncini. Ora, dato che questi laboratori sono fermi a causa della pandemia, abbiamo pensato di donare dei set Lego®e Duplo®anche se la speranza è di poter tornare presto a giocare insieme.”

Spazio Incontro desidera ringraziare l’associazione Mo. C. Bricks di Modena, per questa donazione preziosa a favore del nostro servizio educativo e dei bambini ospiti del reparto di Pediatria – ha commentato Ivana Carri -Custodiamo con nostalgia memoria dei pomeriggi di laboratorio con le costruzioni, condivisi nel 2019, quando ancora potevamo incontrarci di persona, con i bambini, per momenti di svago e di gioco. Ci auguriamo con tutto il cuore di poter al più presto riprendere in presenza i laboratori con i ragazzi di Moc.Bricks per rivivere, fisicamente, quanto descritto”.

Il “fare”, il “costruire” con le mani – aggiunge l’Assessora Grazia Baracchi - per i bambini significa costruire ed elaborare pensieri. Significa fare esperienza e conoscere, attraverso il corpo, una realtà che non è solo fuori da sé, ma che riguarda anche e soprattutto tutti gli aspetti legati alle emozioni e alla costruzione della propria identità emotiva e cognitiva, processo continuo che necessita di spazi, tempi e modalità adeguate. Tutto ciò acquisisce una centralità ancora maggiore quando i bambini devono affrontare esperienze delicate, a tratti difficili e dolorose, come la malattia e il ricovero in ospedale”.

“Desidero ringraziare Mo.C.Bricks per il bel dono di oggi ha concluso il prof. Lorenzo Iughettie per il bel progetto del 2019, che speriamo possa riprendere appena sarà possibile. Per un bambino il gioco è apprendimento, crescita e socializzazione. Per questo motivo è fondamentale giocare anche durante il ricovero in ospedale.”

 

Spazio Incontro nasce nel 1989 per volontà dell’Amministrazione Comunale di Modena, del Policlinico e dell’Ufficio Scolastico Provinciale (ex Provveditorato agli Studi di Modena) con l'intento di garantire ai bambini degenti uno spazio nel quale poter compiere esperienze ludiche ed educative durante il ricovero in ospedale in un clima relazionale ricco e sereno.
Il progetto di Spazio Incontro, pur nella sua specificità, si inserisce fortemente nella tradizione culturale e pedagogica dei nidi, delle scuole dell’infanzia e dei Centri per Bambini e Genitori del Comune di Modena
Nei locali di Spazio Incontro i bambini e le loro famiglie possono contare quotidianamente su due insegnanti che uniscono alle loro competenze professionali, la capacità di stare in relazione in contesti complessi ma allo stesso tempo flessibili. Inoltre, il personale educatore accede nelle stanze di degenza dei bambini ricoverati proponendo giochi, letture, costruzioni o semplicemente opportunità di conversazioni in un rapporto individuale e nel rispetto del percorso di cura dei piccoli.
Gli aspetti culturali, tecnici ed organizzativi sono affidati, secondo gli specifici ambiti di competenza al Coordinamento Pedagogico del Comune di Modena.

 
 
 
Footer