Torna a inizio pagina

Policlinico di Modena

  1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  5. Footer
Azienda Ospedaliera-Universitaria di Modena
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

COVID-19, la situazione all'AOU di Modena

75 ricoveri negli ospedali modenesi, di cui 41 in degenza ordinaria e 5 tra terapia intensiva e semi-intensiva. La “Variante inglese” è ancora maggioritaria in terapia intensiva (77%), seguita dalla brasiliana (17%)

COVID-19, la situazione all’AOU di Modena

Continua l’appuntamento consueto con il bollettino settimanale contenente le principali attività organizzative e sanitarie dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in riferimento alla gestione dell’emergenza COVID-19. Situazione ricoveri
Prosegue la riduzione dei ricoveri in Azienda Ospedaliero Universitaria, che oggi sono 75. Di questi, 46 sono in degenza ordinaria, di cui 41 al Policlinico e 5 all’Ospedale Civile di Baggiovara. I ricoveri tra Terapia Intensiva e Semi Intensiva sono invece 29, di cui 18 al Policlinico e 11 all’Ospedale Civile.
Varianti circolanti sul territorio provinciale (dato aggiornato al 20.05.2021)
Dal 10 marzo a oggi, in base alle indicazioni regionali sullo screening con test REAL TIME PCR per la ricerca di varianti su pazienti positivi a SARS-CoV-2, sono stati valutati 166 tamponi positivi tra i pazienti ricoverati nelle terapie intensive del Policlinico, Baggiovara e Ospedale di Carpi. In tutto, 129 (77%) tamponi hanno presentato mutazioni del virus compatibili con variante inglese, 28 (17%) i tamponi compatibili con variante brasiliana, restano 3 (2%) i tamponi con mutazioni compatibili a variante nigeriana e salgono a 6 (4%) i tamponi riscontrati senza mutazioni ascrivibili alle suddette varianti, si tratta di percentuali invariate rispetto alla scorsa settimana.
Continua il programma di monitoraggio regionale sulla diffusione varianti per il mese di maggio con un nuovo invio di tamponi positivi al laboratorio di riferimento regionale (IZSLER di Parma) per essere sottoposti all’analisi di sequenziamento genomico. Siamo tuttora in attesa dei primi risultati relativi ai primi invii del mese di maggio. Si ricorda che tutti questi tamponi vengono scelti a caso tra tutti quelli risultati positivi a livello provinciale.
Si completano i risultati degli invii al mese di aprile con l’analisi di 75 tamponi che hanno permesso di riscontrare 59 ceppi di variante inglese corrispondente al 77%, 7 ceppi di variante brasiliana corrispondente all’9%, 1 ceppo di variante nigeriana corrispondente (1%) e di 9 ceppi virali non variante corrispondente al 13%.
Nella giornata di oggi saranno inviati 28 tamponi scelti a caso a livello provinciale all’IZSLER di Parma per essere sottoposti a sequenziamento genomico in linea con il quinto studio di prevalenza nazionale sulle varianti promosso dall’ISS che vede impegnati tutti i laboratori di riferimento regionali. I 28 tamponi sono stati scelti tra quelli risultati positivi nella giornata del 18 maggio.

 
 
 
 
Footer