1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Policlinico di Modena: in funzione l’acceleratore lineare aggiornato grazie alla donazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

Si tratta del primo tassello del progetto che prevede l’acquisto di un altro acceleratore lineare e di una PET-TC per l’AOU di Modena

Frank Lohr
Frank Lohr

Il 19 luglio scorso, dopo due mesi di lavori, è entrato di nuovo in funzione, completamente rinnovato, uno dei tre Acceleratori lineari in forza alla Struttura Complessa di Radioterapia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, diretta dal dottor Frank Lohr, che ha sede al Policlinico di Modena. Con questo intervento, del valore di 800.000 euro, l’acceleratore è stato portato al livello tecnico top di gamma, potenziando le capacità terapeutiche dell’Azienda. L’aggiornamento è il primo tassello del progetto di potenziamento dell’Oncologia modenese nato dalla donazione di 3 milioni di euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena (FCRMO), presentato alla cittadinanza nel novembre del 2016 e che oggi, nel pieno rispetto dei tempi, entra nel vivo. Il progetto prevede l’acquisto nel 2018 di un ulteriore acceleratore lineare e di una PET TC finanziati in parte dalla donazione, in parte da fondi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria.
A celebrare il primo traguardo di questo percorso, i rappresentanti della Fondazione sono stati accolti per una cerimonia informale al Policlinico. Il presidente di FCRMO, Paolo Cavicchioli è stato accompagnato dal Direttore generale dell’AOU Ivan Trenti a vedere l’apparecchiatura potenziata grazie alla donazione. Ad accoglierlo ha trovato Giuseppe Longo , Vice-Direttore del Dipartimento ad Attività Integrata di Oncologia ed Ematologia Frank Lohr , Direttore della Radioterapia, Carla Piani , Coordinatrice infermieristica della Radioterapia, Napoleone Prandini , Direttore della Medicina Nucleare, Paola Ceroni , della Fisica Sanitaria, Leo Traldi e Luca Franceschini dell’ingegneria clinica.

 
Il gruppo dei medici e dei donatori
Il gruppo dei medici e dei donatori
Frank Lohr con Paolo Cavicchioli
Frank Lohr con Paolo Cavicchioli

L’acceleratore lineare – spiega il dottor Frank Lohr - è un apparecchio per trattamenti radioterapiciche produce fasci di elettroni e di fotoni che, opportunamente collimati, vengono fatti incidere sul volume bersaglio, costituito dalla massa tumorale. Il nuovo acceleratoreè stato portato al livello tecnico del top di gamma per consentirci di eseguire trattamenti complessi e di altissima precisione. Questi trattamenti vengono già eseguiti al Policlinico e la nuova apparecchiatura ha rafforzato la nostra capacità di risposta. Essa, soprattutto, consente di eseguire trattamenti in respiro atteso (breath hold), il cosiddetto "gating" che prevede che i pazienti respirino liberamente e che l’irradiazione sia sincronizzata con una prestabilita fase respiratoria in cui il tumore presenta una ridotta mobilità. Il sistema consente di ottimizzare il trattamento dei tumori del polmone, fegato, pancreas e seno, limitando le radiazioni allo stretto necessario”. Trattamenti ad alta precisione facilitano l'integrazione di radioterapia e terapia sistemica (chemioterapia e immunoterapia) per creare, grazie anche ai modelli terapeutici predisposti dalla Fisica Sanitaria, diretta da Tiziana Costi, quella sinergia tra questi due componenti del trattamento oncologico, necessaria a ottenere i migliori risultati possibili per il paziente. Per assicurare la piena funzionalità, il sistema è stato integrato nella rete informatica dell’ospedale dal Servizio tecnologie dell'informazione. diretto da Mario Lugli.
Questo acceleratore lineare che possiamo definire nuovo – commenta il dottor Ivan Trentiè la prima acquisizione del più ampio progetto che abbiamo avviato con la Fondazione per potenziare la tecnologia della nostra azienda contro i tumori. Il prossimo anno contiamo di acquisire il secondo acceleratore lineare e la PET-TC. L’acquisto delle nuove strumentazioni rientra nell’ambito di un più ampio programma di diagnosi e cura delle patologie oncologiche che va nella direzione di una sempre maggiore personalizzazione delle cure in integrazione con i sistemi diagnostici. Desidero ringraziare con calore il Presidente Cavicchioli e la Fondazione per il supporto in questo percorso.”

 
Frank Lohr alla consolle che gestisce l'acceleratore
Frank Lohr alla consolle che gestisce l'acceleratore

L’aggiornamento dell’acceleratore lineare del Policlinico – dichiara il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Paolo Cavicchiolirientra tra i principali interventi della Fondazione a supporto del sistema sanitario provinciale. L’obiettivo è duplice: innovare metodi e strumentazioni per la diagnosi e cura dei tumori; favorire la ricerca interdisciplinare in ambito medico. Con l’acquisto, il prossimo anno, di un acceleratore lineare di nuova generazione e di una PET da destinare alla diagnostica per immagini, si completa il progetto di potenziamento dell’Oncologia modenese a servizio del territorio. In questo modo la Fondazione intende dare risposta puntuale a un’esigenza condivisa dall’Università di Modena e Reggio e dall’Azienda universitaria ospedaliera”.
Sono circa 1.500 i nuovi casi di tumore seguiti annualmente dal Policlinico di Modena che complessivamente si occupa di circa 6.000 casi all’anno. Di questi, circa 1.500 usufruiscono di un trattamento radioterapico e 2.300 sono le PET eseguite dalla Medicina Nucleare del Policlinico, che serve l’intera Provincia. La rete radioterapica provinciale modenese ha a disposizione una Tomotherapy e 4 acceleratori lineari , 3 al Policlinico di Modena, 1 all’Ospedale di Carpi. Uno dei tre acceleratori lineari del Policlinico di Modena è stato aggiornato, un secondo verrà sostituito entro il 2018, con un nuovo apparecchio di ultima generazione grazie alla donazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.
L’acceleratore lineare lavora in sinergia con la PET/TC, un’apparecchiatura di diagnostica per immagini , per ottenere terapie sempre più mirate. La PET/TC unisce due tecnologie: la PET (Tomografia a emissione di positroni) che aiuta a rivelare il funzionamento e il metabolismo di organi e tessuti; la TC (Tomografia computerizzata) che fornisce una chiara visualizzazione delle strutture anatomiche. La PET/TC permette di evidenziare le parti vitali del tumore consentendo al radioterapista di modulare le dosi personalizzandole in base al risultato della PET/TC. Analogamente la PET/TC permette di rimodulare il piano di trattamento radioterapico in funzione della riduzione della massa tumorale. “La nuova PET/TC che acquisiremo ci fornirà immagini in 4D sincronizzate con i movimenti respiratori – commenta il dottor Napoleone Prandini , Direttore della Medicina Nucleare - che consentiranno di riconoscere tumori non visibili con le tradizionali PET/TC che forniscono immagini 3D. Questa caratteristica ci permetterà di adattare con maggiore precisione la terapia al paziente”. “Le conoscenze biologiche ci permettono ormai di comprendere la conformazione a livello cellulare del tumore e di scegliere il mix di terapie (farmacologiche e radioterapiche) più adatto a contrastarlo – aggiunge il dottor Giuseppe Longo, Vice-Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia - L’obiettivo è quello di creare terapie sempre più personalizzate in base al tumore alla risposta dell’organismo del paziente alle cure grazie alla capacità della PET-TC di valutare non solo le dimensioni del tumore ma anche la sua evoluzione durante la cura. Queste acquisizioni ci permettono di lavorare in maniera ancora più integrata tra oncologi, radioterapisti, medici di medicina nucleare, chirurghi e radiologi”.

 

Contenuti multimediali

 
La consolle di comandoIl soffitto della stanza dell'Acceleratore