1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

La Chirurgia del Policlinico fa scuola in Brasile

Il Prof. Fabrizio Di Benedetto invitato a contribuire alla creazione di un programma di chirurgia robotica

Fabrizio Di Benedetto
Fabrizio Di Benedetto

La chirurgia epato-bilio-pancreatica e dei trapianti di fegato dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena fa scuola in Brasile. Il prof. Fabrizio Di Benedetto, infatti, è stato invitato in qualità di tutor per l’inizio dell’attività del nuovo centro dell ’Ospedale São Lucas di Copacabana , sotto la guida del Prof. Eduardo Fernandez. Il prof. Di Benedetto ha partecipato, lo scorso 11 agosto, al Secondo Simposio Internazionale di Chirurgia Robotica presso la sede del Colégio Brasileiro de Cirurgiões che si è svolto a Rio de Janeiro. Tra gli ospiti internazionali anche il Prof. Raul Rosenthal, Direttore del Dipartimento Chirurgico della Cleveland Clinic a Weston (Florida, Stati Uniti). Padrone di casa il Prof. Fernando de Barros, chirurgo bariatrico e coordinatore del programma di Chirurgia Robotica presso l’Ospedale São Lucas Copacabana.
È un grande onore per me aver contribuito a questo evento, frutto di un grande impegno da parte di tutto il mio gruppo” – ha commentato il professor Di BenedettoE sono davvero onorato di contribuire con la mia esperienza all’avvio del nuovo centro brasiliano di chirurgia epato-bilio-pancreatica. Questa collaborazione, inoltre, consente alla Struttura e all’Università di rafforzare il processo di internazionalizzazione, cominciato col riconoscimento dell’American College of Surgeons e proseguito con l’avvio della collaborazione con il New York Presbyterian Hospital”.
Nell’ambito del Simposio è stato dato ampio spazio all’esperienza della Chirurgia dei Trapianti di Modena, con numerosi video chirurgici di casi operati con tecnologia robotica ed i risultati dell’attività degli ultimi anni, con particolare rilievo al programma Regionale di resezione robotica pre-trapianto per epatocarcinoma . L'evento è stato un'opportunità per i chirurghi del Paese di aggiornarsi sull a nuova tecnologia robotica che sta guadagnando più spazio nel campo della chirurgia mini-invasiva.
La Chirurgia Oncologica, Epatobiliopancreatica e dei Trapianti di Fegato dell’AOU di Modena è stata invitata proprio in virtù della sua notevole esperienza in questa metodica, maturata dall’avvio, nel 2014, del programma di chirurgia robotica oncologica del Policlinico, con oltre 130 procedure chirurgiche su fegato, pancreas, vie biliari e stomaco, ed incarichi di insegnamento in scuole internazionali di chirurgia mini-invasiva.
Voglio esprimere i miei più vivi complimenti – ha commentato il Direttore Generale Ivan Trenti dell’AOU di Modena – all’equipe della chirurgia epato-bilio-pancreatica e dei trapianti per l’ennesimo riconoscimento a una professionalità posta al servizio dei cittadini.” Anche il Presidente della Facoltà di Medicina e Chirurgia, Giovanni Pellacani ha voluto complimentarsi con il prof. Di Benedetto: “Questo riconoscimento sottolinea l’importanza dei processi di internazionalizzazione del nostro Ateneo che consente agli studenti ed ai Medici in formazione un ambiente vivace e in costante aggiornamento”. “Mi congratulo con il prof. Di Benedetto e il suo staff – ha commentato Gian Carlo Muzzarelli , Sindaco di Modena e Co-Presidente della CTSS - ed esprimo soddisfazione per l’importante riconoscimento internazionale che conferma il valore della rete sanitaria provinciale”.