1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Gravidanza e Malattie auto-immuni, un open day al Policlinico di Modena

Venerdì 10 maggio dalle 9,00 alle 11,00 incontri informativi al Policlinico

Gravidanza e Malattie auto-immuni, un open day al Policlinico di Modena

L'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena, con il Policlinico, aderisce all'Open Day sulle Malattie Reumatiche Autoimmuni promosso da ONDA - Osservatorio Nazionale sulla salute della donna per venerdì 10 maggio. Dal 2007, infatti, il Policlinico di Modena è "Ospedale a Misura di Donna" e può fregiarsi di tre "Bollini rosa". Obiettivo della giornata sarà quello di promuovere la consapevolezza e la corretta informazione così come la prevenzione, la diagnosi e l'accesso ai percorsi specialistici diagnostico-terapeutici dedicati alle malattie reumatiche. L'iniziativa del 10  maggio prevede un incontro informativo con le pazienti per discutere sulla gravidanza nelle malattie reumatiche. Dalle 09,00 alle 11,00, nell'Aula di formazione al terzo piano ingresso in corrispondenza dell'Ingresso 1 dal lato Universitario, i medici della Reumatologia, diretta dal prof Carlo Salvarani e dell'Ostetricia e Ginecologia, diretta dal prof. Fabio Facchinetti, insieme ai terapisti occupazionali, saranno a disposizione delle donne per affrontare questo tema e fornire consigli per la gravidanza e la gestione dei neonati. Non è richiesta prenotazione. L'(H)Open day è promosso da Onda con la collaborazione di AMRER, Associazione Malati Reumatici Emilia - Romagna, ANMAR, Associazione Nazionale Malati Reumatici Onlus, APMAR, Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare Onlus, il patrocinio di Istituto Superiore di Sanità e SIR, Società Italiana di Reumatologia ed è reso possibile anche grazie al contributo incondizionato di UCB Pharma. La giornata è supportata anche dalle associazioni dei pazienti che presenzieranno nei vari ospedali, ove possibile, con stand informativi sulle patologie reumatiche per affiancare e orientare le donne. Le malattie reumatiche autoimmuni, causano disturbi a carico dell'apparato locomotore ed in generale dei tessuti connettivi dell'organismo. Rappresentano un gruppo estremamente eterogeno di malattie e si presentano con espressione e gravità differenti, colpendo più di 3,5 milioni di italiane. Inoltre, spesso esordiscono in età giovane impattando sulla qualità della vita, sulla salute riproduttiva e sulla pianificazione familiare.
A tal proposito, in occasione dell'(H)Open day sarà distribuita la brochure informativa "Malattie reumatiche autoimmuni. Dalla pianificazione familiare alla genitorialità" scaricabile gratuitamente dal sito di Onda ( www.ondaosservatorio.it). I servizi offerti dagli ospedali saranno consultabili a partire dal 29  aprile sul sito  www.bollinirosa.it dove sarà possibile visualizzare l'elenco dei centri aderenti.
"Le malattie reumatiche autoimmuni sono patologie tipicamente femminili e che spesso si manifestano tra i 15 e 45 anni, dunque nel periodo più florido e produttivo, condizionando la qualità di vita delle donne", spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda. "Onda anche quest'anno conferma il suo impegno per le donne che soffrono di malattie reumatiche autoimmuni con un'iniziativa focalizzata in particolare sulla loro salute riproduttiva e sulla pianificazione familiare. La seconda edizione dell'(H)Open day dedicato alle malattie reumatiche vede un aumento della partecipazione degli ospedali e dei centri, ben 95 su tutto il territorio nazionale, con un 50% in più rispetto allo scorso anno, e la preziosa collaborazione delle associazioni di pazienti che saranno presenti ad accogliere e orientare le donne sul tema". "AMRER ha aderito con grande piacere a questa iniziativa di Onda", afferma Daniele Conti, Presidente AMRER, "che guarda alle malattie reumatiche con un approccio prettamente femminile. È infatti importante lavorare sui bisogni specifici delle donne con azioni di prevenzione e sensibilizzazione perché possano individuare in tempi brevi lo specialista a cui rivolgersi, avere rapido accesso alle cure e quindi ottenere risposte concrete dal punto di vista diagnostico, di presa in carico e di assistenza".
"ANMAR con le 20 associazioni regionali crede che questo sia uno degli appuntamenti più importanti dell'anno", dichiara Silvia Tonolo, Presidente ANMAR, "che in maniera capillare attraverso gli ambulatori e gli ospedali aderenti faccia la vera diagnosi precoce delle malattie reumatiche, in particolare delle donne, che noi di ANMAR auspichiamo da sempre. Informazione e servizi clinico-diagnostici dedicati alle donne nei giorni vicini alla festa della mamma, anche per dare un segnale tutto al femminile. Abbiamo patrocinato con entusiasmo questa giornata anche per dimostrare quanto possa essere impattante soprattutto per una donna una malattia reumatica se diagnosticata anche tardivamente. Fare prevenzione per non perdere la qualità di vita che una donna assolutamente deve mantenere per essere figlia, mamma, compagna e nonna, ma anche lavoratrice".
"APMAR ha ben accolto il progetto (H)Open day di Onda", afferma Antonella Celano, Presidente APMAR. "Permettere ai cittadini di accedere a screening gratuiti facilita la diagnosi precoce, primo passo per arrivare a cure appropriate che possano favorire il mantenimento di una vita di qualità seppur in presenza di una malattia. Auspichiamo grande affluenza e successo".