1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Policlinico di Modena
# Io resto in ospedale - tu resta a casa
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Servizio di Trasporto d’Emergenza Neonatale (STEN) per la Provincia di Modena: una nuova incubatrice donata da Pollicino

da sx: Ivan Trenti, Marco Maini, Fabrizio Ferrari, Paolo Accorsi
da sx: Ivan Trenti, Marco Maini, Fabrizio Ferrari, Paolo Accorsi

Una nuova incubatrice da trasporto ATOM è stata donata da Pollicino, Associazione per il progresso della Neonatologia a Modena alla Struttura Complessa di Neonatologia del Policlinico diretta dal prof. Fabrizio Ferrari. L’incubatrice sarà utilizzata nell’ambito del Servizio d’Emergenza Neonatale (STEN) per la Provincia di Modena attivo dal luglio scorso. Si tratta di uno strumento di ultima generazione, del valore di 30.000 euro + IVA, fornita dalla ditta Burke&Burke e allestita per essere ospitata in tutte le ambulanze della Provincia di Modena. L’incubatrice è predisposta per ospitare i sistemi di supporto respiratorio, monitoraggio ed infusione utilizzati in reparto.     Il Servizio di Trasporto d’Emergenza Neonatale (STEN) per la Provincia di Modena, finalizzato alla stabilizzazione dei neonati critici nati presso i Punti Nascita della Provincia (Carpi, Mirandola, Sassuolo e Pavullo) e al loro trasferimento in sicurezza presso la Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Modena. Il Servizio viene garantito da un’equipe di Neonatologi e Infermieri Neonatali della Struttura Complessa di Neonatologia del Policlinico, diretta dal Prof. Fabrizio Ferrari, e da Operatori del Servizio di Emergenza Territoriale 118, diretto dal Dr. Carlo Serantoni. Il Servizio è il risultato della stretta collaborazione e sinergia che si è realizzata tra la Struttura Complessa di Neonatologia del Policlinico, il Dipartimento Interaziendale di Emergenza - Urgenza, diretto dal Dr. Carlo Tassi, i Punti Nascita provinciali afferenti al Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Pediatria dell’Azienda USL, diretto dal Dr. Paolo Accorsi e il Punto Nascitadell’Ospedale di Sassuolo SpA.Fondamentale inoltre è stata la collaborazione tra il Servizio di Ingegneria Clinica del Policlinico e quello dell’Azienda Usl che hanno lavorato insieme al fine di definire e condividere le caratteristiche della dotazione tecnologica necessaria a garantire il Servizio.

 

Di norma – spiega Fabrizio Ferrari - quando presso i Punti Nascita provinciali viene individuata una gravidanza a rischio che necessita dell’assistenza di un Centro di III livello, la gravida viene trasferita per il parto presso la Struttura di Ostetricia del Policlinico e il neonato, qualora bisognoso di cure intensive, viene immediatamente accolto presso la Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico. Lo STEN viene attivato In caso di impossibilità di trasferire la gravida a rischio o in caso di una gravidanza fisiologica con complicanze al momento del parto, con necessità di cure intensive per il neonato, per assicurare il trasporto protetto del neonato dal Punto Nascita periferico alla Struttura Complessa di Neonatologia del Policlinico, che è il centro Terzo Livello (Hub) per l’assistenza intensiva neonatale della provincia di Modena”. Nei primi cinque mesi dalla sua attivazione, lo STEN è intervenuto 6 volte, di cui gli ultimi due in questo fine settimana. Si tratta di due neonati prematuri, uno da Carpi e uno da Sassuolo. Il trasporto in condizioni critiche costituisce un’attività complessa che richiede personale medico ed infermieristico altamente qualificato ed addestrato, in grado di assicurare nel più breve tempo possibile la migliore assistenza a tutti i neonati, ovunque essi nascano, e di garantire loro un trasferimento ottimale e sicuro. La nuova incubatrice si affianca a quelle già in dotazione da luglio allo STEN.
Con l’entrata in funzione dello STEN – commenta Ivan Trenti,Direttore generale del Policlinico – abbiamo migliorato la sicurezza di tutto il percorso nascita provinciale sia per la madre sia per il nascituro. La donazione di questa incubatrice da parte di Pollicino dimostra ancora una volta la vicinanza di questa associazione al nostro ospedale e in particolare alla nostra Neonatologia che costituisce il centro di riferimento provinciale per i neonati difficili.
Siamo orgogliosi come Associazione di aver contribuito rafforzare il servizio di trasporto di emergenza neonatale che permette una ulteriore integrazione del sistema provinciale delle nascite con grandi benefici per i nostri neonati.” Ha precisato il presidente di Pollicino Marco Maini.
La Struttura Complessa di Neonatologia del Policlinico accoglie ogni anno, in media, circa 600 neonati affetti da varie patologie, con un bacino di utenza provinciale di circa 6.300 nati, di cui 3.002 nati al Policlinico (dati 2014).

da sx: Ivan Trenti, Marco Maini, Fabrizio Ferrari, Paolo Accorsi
da sx: Ivan Trenti, Marco Maini, Fabrizio Ferrari, Paolo Accorsi