Policlinico di Modena

  1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  5. Footer
Azienda Ospedaliera-Universitaria di Modena
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Quindici anni di Banca del Latte: un video per promuovere la donazione del latte materno

Realizzato dalla Neonatologia del Policlinico di Modena col supporto di bambini e genitori per raccontarne la grande importanza del latte materno soprattutto nella cura dei prematuri

La Neonatologia
La Neonatologia

Quindici anni fa, al Policlinico di Modena nasceva la Banca del Latte Materno , una struttura che consente di donare il latte in favore delle mamme che non ne hanno abbastanza. Dalla sua apertura sono state 160 le donne che hanno donato il proprio latte alla Banca del Latte, che ha raccolto 600 litri di latte . Questa opportunità è nata in seno alla struttura complessa di Neonatologia del Policlinico, diretta dal prof. Fabrizio Ferrari, perché sono soprattutto i bimbi prematuri ad avere l’esigenza di nutrirsi con molto latte materno. Per l’occasione, il Policlinico ha realizzato un video per promuovere la donazione. Tra gli attori, molti dei bambini che sono cresciuti grazie al latte donato alla Banca del Latte.
Il video, disponibile sulla pagina www.policlinico.mo.it/neonatologia è ospitato dal canale You Tube dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria (https://youtu.be/xIQ1q8yd_-Y) e sarà diffuso sui social network aziendali.

 

Il latte materno è importante perché è ricco di sostanze nutritive e di fattori immunologici – spiega il prof. Fabrizio Ferrari , Direttore della Struttura Complessa di Neonatologia del Policlinico – tra queste ci sono le immunoglobuline (IgA) che hanno una funzione protettiva nei confronti delle mucose, e nello specifico della mucosa intestinale; poiché i neonati prematuri sono pazienti immunodepressi questa caratteristica del latte materno è fondamentale per i nostri piccoli pazienti”. Per questo motivo la Banca del Latte è nata per aiutare i bambini ricoverati in Neonatologia, che sono i beneficiari del latte nel caso la loro mamma non ne abbia a sufficienza. “Il latte materno – aggiunge Giovanna Cuomo, Coordinatrice infermieristica della Neonatologia - contiene, inoltre, enzimi che facilitano la digestione e l’assorbimento. E’ ricco di vitamine e ferro, utili, nel processo di costruzione della cellula e di conseguenza dell’intero organismo. La donazione può essere effettuata solo se gli esami della mamma donatrice sono perfetti.”In questi anni, grazie al supporto dell’Associazione Pollicino per il sostegno della Neonatologia e dell’Associazione Buona Nascita, è stata costituita una rete di supporto alla Banca. “I volontari della Buona Nascita possono andare a casa delle mamme che non riescono a venire fisicamente al Policlinico.” conclude Giovanna Cuomo .

Info

Per contattare la Banca del latte è sufficiente telefonare allo 059.422.2578 o 059.422.2522 oppure rivolgersi all’Associazione Buona Nascita (392-4429223)

Multimedia

 
 
 
Footer