Policlinico di Modena

  1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
  5. Footer
Azienda Ospedaliera-Universitaria di Modena
Emergenza COVID19
 
Versione stampabile della pagina
Contenuto della pagina

Sabato si parla del rapporto tra la scuola e il bambino con malattia oncologica ed ematologica

Promosso dal Policlinico di Modena e dal Comune di Modena

La Locandina dell'Evento
La Locandina dell'Evento

Il bambino con la malattia oncologica ed ematologica e la scuola . Questo il titolo del Convegno di Formazione per insegnanti di nidi e scuole di infanzia primarie e secondarie di primo e secondo grado organizzato per sabato 15 ottobredall’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena e dal Servizio 0/6 del Settore Scuola del Comune di Modena. Il Convegno, inserito nel calendario delle iniziative di “Buon Anno Scuola!” del Comune, si svolge presso la Sala Pucci accanto al Polo Scolastico Marconi (Modena, Largo Pucci 45/A) dalle 9,00 alle 13,00. Dopo i saluti –dell’assessore comunale alla Scuola Dott. Giampietro Cavazza, Provveditore Dott. Menabue Silvia – sarà la volta dei professionisti, medici, psicologi e insegnanti.
Scopo del Convegno è facilitare l’accoglienza nella comunità scolastica dei bambini che vivono o hanno vissuto l’esperienza di patologia oncologica ed ematologica. “A questo fine – spiega la dottoressa Monica Cellini, medico della Struttura Complessa di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico, diretta dal prof. Lorenzo Lughetti – è decisivo favorire il dialogo tra insegnanti e operatori sanitari, permettendo agli insegnanti di avere le conoscenze di base delle patologie e risposte alle domande più frequenti sulla gestione in comunità, soprattutto dal punto di vista dell’accesso dei bambini, protezione dalle malattie infettive, bisogni speciali, vissuto psicologico”. Il corso verterà in particolare su temi caldi come l’entità del fenomeno, durata delle terapie, complicanze, normativa per la somministrazione delle terapie a scuola. “Quando il bambino può e non può frequentare la comunità? Quale può essere la relazione del bambino con gli adulti e con i coetanei? Come la terapia può rapportarsi al suo diritto alla continuità scolastica? Queste sono le domande alle quali che cercheremo di dare una risposta soddisfacente”. Conclude la dottoressa Cellini.

Al Policlinico di Modena sono circa 20/25 ogni anno i bambini che frequentano le scuole primarie e secondarie ricoverati nella Struttura Complessa di Oncoematologia Pediatrica per periodi più o meno lunghi. Per permettere la continuità scolastica di questi bambini  presso la struttura di Pediatra e Pediatria Oncologica del Policlinico sono presenti 4 insegnanti, grazie alla collaborazione con l’Istituto Comprensivo 6 di Modena con il Servizio 0/6 del Comune di Modena.  Nello  Spazio Scuola e nello Spazio Incontro Marisa, Carla, Ivana e Francesca svolgono il loro servizio accogliendo i pazienti ed i loro genitori in un momento di grande difficoltà. Mantenere il progetto educativo è fonte di grande soddisfazione per le famiglie, diritto imprescindibile del bambino che viene garantito dal progetto regionale di istruzione domiciliare.


 
 
 
 
Footer